Poggio a Caiano (PO), 28 gennaio 2015 – Si va verso un Contratto di Fiume anche per il Torrente Ombrone. Così hanno deciso Sindaci e Assessori dei Comuni della valle, che hanno raccolto l'invito del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno a costituire un tavolo di lavoro che vada in questo senso.

I Consorzi di Bonifica toscani (URBAT) sono da tempo impegnati nella promozione a livello territoriale dei Contratti di Fiume come strumento essenziale di partecipazione e di indirizzo delle realtà locali nella gestione dei corsi d'acqua.

Per quanto riguarda il proprio territorio il Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno ha scelto di puntare anche sull'Ombrone Pistoiese per mettere al centro della propria azione uno dei corsi d'acqua più importanti, ma al contempo più problematici dell'intero comprensorio.

Dopo alcuni incontri preliminari per una prima definizione di cos'è e come si potrebbe arrivare ad un Contratto di Fiume, il Presidente Bottino ha voluto incontrare i Sindaci dei Comuni nel cui territorio ricade il Torrente Ombrone per formalizzare il comune impegno a lavorare grazie a questo strumento per una vera e propria valorizzazione del corso d'acqua.

E nella prestigiosa sala Tribolo delle Scuderie Medicee di Poggio a Caiano è registrata convinzione ed entusiasmo per questo innovativo strumento di lavoro che permetterà un ampio coinvolgimento di tutti i portatori di interesse della valle (stakeholder) nella definizione di obiettivi ed azioni fondamentali per il futuro dell'Ombrone.